05 lug 2013

il diploma

Crescendo, sognare è sempre più difficile.
Sei anni fa a quest'ora era il giorno dopo il diploma ed io mi sentivo leggera come una piuma: mi sembrava di avere il mondo in mano e le paure avevano un peso irrilevante se confrontato ai sogni che avevo segretamente cullato fino a quel momento e che erano finalmente pronti a esplodere.
Sembrava fossero destinati a realizzarsi, uno dopo l'altro, generandone sempre di nuovi, rigenerando me e le mie energie. Mi sentivo rinata, non più costretta in spazi non miei, con persone con cui non condividevo nulla. Credevo che la Musica avrebbe potuto rendermi felice, felice davvero.

Ma sognare è difficile. E la realtà scotta, fa male.
La Musica è meravigliosa, ma dura, severa, impeccabile. E' uno schiaffo sulla pelle nuda, è il tempo che scappa.
La Musica ti corrode dentro e la meraviglia si mischia alla fatica, tingendosi di colori che non possono essere descritti.

La realtà si avvicina, la vedo quasi chiaramente ed è diversa da tutti quei sogni in fila.
I desideri si sono sparpagliati, tenerli assieme è un compito arduo, quasi tanto quanto quello di adattarli alla vita adulta.

Sei anni fa mi ero appena diplomata ed ero convinta che sognare sarebbe stato più facile. Non sapevo, però, che sarei stata obbligata a crescere



                                                                                                                            • Clà •

0 commenti:

Posta un commento

Powered by Blogger.

© 2011 smiling CLà!, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena